Hallara: Quest

Puntate 1 - 3

Dopo il battesimo del fuoco, in seguito a cui viene consegnato loro un diploma, una squadra di giovani Cadetti viene incaricata di ristabilire l'ordine presso il magazzino della Torre degli Evocatori. Nel magazzino è custodito un cristallo prezioso, chiamato Oricalco, una pietra in grado di assorbire l'energia magica, ed ampiamente utilizzata nella creazione di oggetti meravigliosi, proprio per questa sua capacità speciale; pare che l'incantesimo di evocazione utilizzato come trappola fosse difettoso, ed il magazzino è invaso dalle creature di guardia alle riserve del cristallo. Dopo aver sgominato decine di creature, i nostri si apprestano a ripristinare la protezione, anche se le scorte di cristallo sono praticamente esaurite. Dopo il successo, Tai Pai, Maestro Evocatore, consegna ai nostri le ultime pietre dell'Oricalco rimaste, e la squadra formata da Rufus, Nikolai, Gunther, Tadtius e Belerud viene così ufficializzata. Gunther ha un diverbio con un individuo di nome Bado, che lo segue e possiede una strana bussola che pare in grado di localizzare l'Oricalco. Durante i festeggiamenti per il successo della precedente missione, un membro del corpo di spionaggio di Hallara si presenta ai nostri spiegando che la trappola del magazzino è stata attivata per via di un furto, e che si sospetta di un traffico illegale del prezioso minerale presso una piccola fattoria fuori città. I nostri decidono di tenere sotto osservazione i movimenti della fattoria; poco prima che scenda il sole, il luogo è raggiunto da diverse persone che scompaiono all'interno dell'edificio; durante la notte, i loschi personaggi lasciano la casa per tornare alle proprie abitazioni, ed i nostri decidono di seguirli per scoprirne l'identità. Il giorno seguente, i nostri decidono di irrompere nell'abitazione di un sospettato che vive presso il porto, mentre Belerud cerca di intrattenerlo per guadagnare tempo; all'interno i nostri trovano un fagotto all'interno della quale si trova una tunica viola ed un libricino che racconta la leggenda di una divinità malvagia chiamata Kthur! (continua)

(…)

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License